Bagno accessibile disabili

Bagno accessibile: caratteristiche e sicurezza

Avere la possibilità di potersi muovere con maggiore autonomia in bagno? Per i disabili non è più un desiderio lontano. Nei luoghi pubblici, ma anche nelle abitazioni private, è sempre più ricorrente la progettazione di un bagno che tenga conto anche delle problematiche di persone con disabilità visiva e motoria.bagno accessibile per disabili

Bagno accessibile: tra normative e regole

Come poter realizzare un bagno che abbia delle caratteristiche di comunicatività, comfort e sicurezza che possano migliorare la fruizione da parte di persone che hanno difficoltà a muoversi agevolmente e in autonomia?

Prima di tutto dobbiamo assicurarci di aver sistemato in bagno un’illuminazione diffusa ed efficace. La superficie delle pareti e dei componenti in questo caso si preferisce opaca, non riflettente, per evitare che abbagli.

Pavimento antiscivolo e facile da pulire, senza tappeti o con tappeti incassati al pavimento. Una scelta molto utile si rivela quella di utilizzare sanitari e attrezzature in contrasto cromatico con pareti e pavimenti: il netto stacco di colore aiuterà ad identificarli più facilmente. Le piastrelle di colore contrastante serviranno ad evidenziare lavabo, wc, porta asciugamani e pulsanti.

Il consiglio è quello di illuminare bene anche i piccoli oggetti come porta rotoli o porta sapone, per non parlare poi dei cestini portarifiuti, da scegliere in contrasto con pareti e pavimento. Questi ultimi vanno posizionati ai margini dell’ambiente, lontano dagli spazi di percorrenza.

bagno con campanello per disabili

Praticità e comfort: l’accessibilità in bagno parte da qui

Uno spazio apposito va dedicato al pulsante o alla corda del segnale di allarme, possibilmente collocata in due altezze differenti: una normale e l’altra raggiungibile da terra. Il cordoncino deve essere ben riconoscibile, con un colore acceso ed immediatamente identificabile.

Portasciugamani e corrimano ben fissati per evitare che un prolungato appoggio possa causare qualche danno o rotture impreviste. Il classico specchio da collocare sul lavabo ha bisogno di qualche attenzione in più: da evitare quelli con luci incorporate, che disturbano la visione, e quelli ubicati sulla parete opposta alla porta, che causano confusione nella percezione dello spazio alle persone ipovedenti.

Gli attaccapanni vanno posizionati molto in alto, per evitare il potenziale pericolo. La temperatura dell’acqua dei sanitari deve essere regolata termicamente, attraverso un miscelatore termostatico. I comandi del miscelatore che indicano caldo e freddo devono essere ben visibili e a rilievo.

bagno accessibile

Come organizzare al meglio un bagno per disabili

All’interno delle case private il bagno è lo spazio che va organizzato in funzione delle esigenze di mobilità e percezione di chi ne usufruisce. Spazio alla personalizzazione, dunque, delle linee guida generali per mettere in pratica una progettazione attenta. Non sono vincolanti scelta dei materiali e attrezzature, ma tutto deve tener conto delle prestazioni a cui rispondere, seguendo il fattore “sicurezza”.

Ecco degli utili consigli per rendere gli spazi comodamente accessibili.

La normativa prevede uno spazio di almeno 100 cm accanto a wc e bidet, per permettere di avvicinare il più possibile la sedia a rotelle.

Corrimano obbligatorio, quando l’asse del wc o il bidet distano più di 40 cm dalla parete. In ogni caso, predisponi sempre un maniglione accanto, per un appiglio saldo e sicuro.

La normativa sulla sicurezza prevede la presenza di un campanello di emergenza accanto al wc, che proviene da una scatola posta sulla parte alta della parete. Per evitare che chi cada a terra non riesca a chiedere aiuto nel momento dell’emergenza è bene, come affermato precedentemente, predisporre campanelli a due altezze: una normale e una a circa 30 cm dal pavimento.

Veniamo ora alla questione fondamentale: sostituire la vasca o doccia con una vasca con sportello. Prima di tutto, c’è da sapere che ogni bagno a norma per i disabili deve prevedere uno spazio di almeno 140 cm per accostare la sedia a rotelle alla vasca. Per favorire l’accessibilità è opportuno dotare il bagno di una vasca con sportello apribile di 180°.

vasca con sportello

I vantaggi di una vasca con sportello sono molteplici:

  • Si può entrare in vasca direttamente dalla sedia a rotelle, senza doversi alzare in piedi;
  • Si può raggiungere il sedile interno alla vasca in tutta sicurezza;
  • Si può decidere di installare una vasca più comoda, di dimensioni più ridotte;
  • Si può riempire la vasca in sicurezza, senza il pericolo di fuoriuscite d’acqua.

La vasca con sportello è la soluzione perfetta per consentire ai disabili e alle persone con qualsiasi tipo di difficoltà motorie di vivere il momento dedicato all’igiene quotidiana in modo sicuro, autonomo e soprattutto privato. Rivolgiti subito agli esperti di Docciatime per un preventivo gratuito direttamente a casa tua!

Supera le difficoltà, vivi il tuo bagno con le vasche accessibili Docciatime!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>