Guida: Come fare il bagnetto al neonato nella doccia?

Il bagnetto rappresenta un momento speciale e di condivisione, oltre che di pulizia, tra il bambino e la sua mamma, una coccola familiare che favorisce lo sviluppo tattile e olfattivo e rafforza la fiducia con il genitore.

Nonostante sia un rito di forte emozione, la temperatura dell’acqua, la scelta della vaschetta bagno, l’utilizzo della spugna e la durata sono solo alcuni dei dubbi e insicurezze che assalgono ogni neo mamma al primo bagnetto.

Posso fare la doccia al neonato?

La risposta è sì, puoi scegliere di farla con i metodi tradizionali, nella “vaschetta bagnetto” oppure posizionando il getto d’acqua direttamente sulla pelle del bambino.

Se a casa non hai la vasca, puoi fare la doccia a un bambino seguendo la guida che abbiamo preparato per te, per darti i migliori consigli su come fare il bagnetto a un bambino nella doccia.

Come prepararsi al bagnetto

I bagnetti devono essere un momento di piacere e calma sia per il bebè che per i genitori, per tale motivo ti consigliamo di scegliere un momento della giornata in cui sei lontana da ogni distrazione.

L’ora ideale non esiste, varia da famiglia a famiglia, ma in generale ti consigliamo a fine giornata, prima di cena, per evitare che l’acqua possa interferire con la digestione.

Quando fare il bagno al neonato?

Se ti stai chiedendo quando fare il bagnetto al bambino, la risposta è di aspettare che cade il cordone ombelicale ovvero circa 10 giorni dopo la nascita.

Con quale frequenza e quante volte è possibile fare il bagnetto al neonato?

È importante mantenere il neonato pulito e asciutto per evitare irritazioni della pelle e altri problemi di salute.

Per questo motivo, molti genitori scelgono di fare il bagnetto al neonato ogni giorno.

Tuttavia, non c’è una regola fissa sulla frequenza, poiché dipende da diverse considerazioni come il tipo di pelle del piccolo, il suo livello di attività e il clima in cui vive.

In generale, si può fare il bagno ai bimbi ogni giorno. Se il neonato ha la pelle molto secca o sensibile, potrebbe essere necessario fare il bagnetto meno spesso per evitare di seccare ulteriormente la cute.

Inoltre, se il to bambino è molto attivo e suda molto, potrebbe essere necessario fare il bagno più spesso per mantenere la pelle pulita e fresca.

In climi caldi e umidi, occorre fare il bagnetto al neonato più spesso per evitare l’accumulo di sudore e il conseguente sviluppo di irritazioni della pelle.

Indipendentemente dalla frequenza con cui si sceglie di fare il bagnetto al neonato, è importante utilizzare prodotti per il bagnetto adatti ai neonati e assicurarsi di seguire le precauzioni di sicurezza durante il processo.

Ad esempio, è importante tenere sempre il neonato sotto il vostro controllo durante il bagnetto e assicurarsi che l’acqua sia a una temperatura confortevole, non troppo calda né troppo fredda.

Inoltre, è importante asciugare accuratamente il neonato dopo il bagnetto per evitare irritazioni della pelle e altri problemi di salute.

Quanto dura il bagnetto o la doccia di un neonato?

La durata media di un bagnetto è di 15 minuti ma questa può variare in base ai mesi del bambino e dalle sue esigenze. Per la doccia, invece, un massimo di 2-3 minuti per non far prendere freddo al piccolo.

L’organizzazione del bagnetto è fondamentale per far sì che sia un momento sereno e rilassato sia per il bambino che per i neo genitori. Prepara in anticipo tutto il necessario: i prodotti per la detersione, la spugnetta, l’accappatoio, i vestiti e il pannolino pulito.

Quali detergenti usare per il bagnetto?

Durante il bagnetto al tuo bambino puoi scegliere di usare detergenti naturali e oleosi che non seccano la pelle.

In commercio molti saponi sono aggressivi e tendono a irritare la pelle dei nostri piccoli. In alternativa, ci sono dei prodotti 100% naturali che puoi usare per fare il bagnetto al neonato, tra questi vi sono:

  • Bicarbonato di sodio, utile per mantenere morbido la pelle del neonato, in caso d’irritazione da pannolino aiuta a lenire i rossori cutanei;
  • Olio alle mandorle, ha un potere emolliente e nutritivo, è adatto per le pelli molto secche e per i capelli;
  • Amido di riso o di mais, hanno un’azione lenitiva e anti infiammatoria, possono essere usati anche dopo il bagno sostituendolo al borotalco.

Scegliere la “vaschetta bagnetto” per neonato

Una delle soluzioni più adottate per fare la doccia ai neonati è la “vaschetta bagnetto” per neonati e bambini. Pratica, comoda e veloce.

Sul mercato esistono varie tipologie adatte a tutti gli spazi e tasche, con sistema di chiusura, leggere e trasportabili.

Quali sono le diverse tipologie di vaschette per bagnetto?

Le vaschette per bambini sono diverse, qui i principali tipi di vasche per bagnetto:

  • Vaschetta bimbo per doccia tradizionale, la più comune realizzata in plastica rigida che può essere usata sia per la vasca che per la doccia;
  • Vaschetta fasciatoio è una soluzione adatta per i primi anni di vita e per chi ha molto spazio. In effetti è un fasciatoio, in cui, invece del materassino, è presente la vaschetta. Questo consente di fare il bagnetto anche al fuori del bagno;
  • Vaschetta bagnetto pieghevole, una soluzione molto utile per chi ha doccia o spazi ristretti. Si richiude come il ferro da stiro, diventando compatta e sottile. A differenza di quel che si può pensare, questo sistema è un prodotto di qualità garantito dalla materia prima utilizzata;
  • Vaschetta gonfiabile, come la pieghevole, è utile per chi ha poco spazio, composta da un materiale ergonomico evita la caduta dei bambini. Oltre a essere adatta per la doccia di casa, è molto utile per essere portata in viaggio.

Tutte le vaschette per bambini sono diverse tra loro ma hanno caratteristiche comuni:

  • Ventosa, che garantisce un fissaggio ottimale nella doccia e la sicurezza per il neonato;
  • Riduttore vasca per bagnetto, utile per posizionare il piccolo all’interno della vaschetta, può essere usato sia nei primi mesi di vita che quando il bambino sarà in grado di stare seduto autonomamente;
  • Tappo, per consentire al genitore di svuotarla senza sforzo fisico;
  • Termometro, che consente di misurare la temperatura dell’acqua.

Scegli con cura la vaschetta per tuo figlio in base alle sue esigenze e del bagno che hai a disposizione, ne esistono di tutti i prezzi.

Quali sono gli accessori utili nella vaschetta bagno per neonati?

Gli accessori più utili per aiutare i genitori durante il bagnetto sono:

  • Anello da Bagno Apribile: utile per posizionare il bambino, è dotato di un sistema con le ventose per donare maggiore stabilità, ha un’apertura frontale per facilitare l’ingresso e un sistema di sicurezza.
  • Riduttore Per Vasca: simile al precedente, ma spesso è dotato di termometro digitale a cristalli liquidi e dei giochi sul bordo per intrattenere i bambini. Si presenta come un prodotto affidabile e sicuro.
  • Cuffia da bagno per la doccia, sapevi che non tutte le cuffie coprono i capelli? Queste, infatti, proteggono gli occhi dei bambini dall’acqua, consigliamo di usarle fino ai 6 anni di età.
  • Ciambella lavatesta, come un ombrello appoggiato sulla testa protegge i bambini da acqua, shampoo e altri residui che potrebbero bruciare gli occhi. Disponibile a forma di corona, ippopotamo e rana sono regolabili e impermeabili.
  • Porta oggetti vasca, spesso dotato di ventose o di poggia gomito, è utile per tenere a portata di mano tutti i detergenti e oggetti utili per bagnetto.
  • Papera termometro bagnetto, se la vaschetta che hai acquistato non ha il termometro, la papera oltre a essere un gioco e un intrattenimento per il bambino, ha un termometro in grado di misurare l’acqua. Un ottimo modo per unire l’utile al dilettevole.

Vaschetta o seggiolino doccia bimbo?

Una valida alternativa alla vaschetta per chi possiede una doccia o ha intenzione di procedere all’installazione di una doccia al posto della propria vasca è il seggiolino doccia per bambini. Questo è utile per sostenere testa e schiena del bambino durante la doccia. Il seggiolino doccia può essere sostituito poi, durante la crescita del bimbo, con una sedia doccia per aiutarlo a rendersi autonomo nella sua igiene quotidiana.

Controllo della temperatura dell’acqua e scelta dei prodotti

Per fare il bagnetto o la doccia a un neonato, la temperatura dell’acqua ideale oscilla tra i 35° e i 37°. La temperatura deve essere uguale sia d’inverno che d’estate.

Per fare un bagnetto nella vaschetta per neonati ti consigliamo d’immergere gradualmente il tuo piccolo fino alle spalle, per migliorare la sensazione di essere ancora nella tua pancia.

Come si misura l’acqua nella vaschetta bagnetto?

Per misurare l’acqua nella vaschetta bagnetto puoi scegliere il metodo tradizionale o quello più tecnologico.

Il metodo tradizionale è la “misurazione della nonna”, per accertarti che l’acqua sia pronta, poni la mano a un paio di centimetri dall’acqua, se avverti una sensazione di calore, vuol dire che l’acqua è troppo calda. Oppure per essere più precisa, immergi per circa 10s il gomito in acqua, se la temperatura è piacevole per te lo sarà anche per il tuo bambino.

Il metodo tecnologico è di certo il più sicuro, consiste nell’utilizzare i termometri digitali per misurare la temperatura dell’acqua. Puoi usare un classico termometro oppure uno a forma di balena, o di altri animali, che oltre a misurare l’acqua diventa un oggetto d’intrattenimento.

Ricorda, inoltre, di scaldare anche l’ambiente circostante, è importante che anche fuori dall’acqua il bimbo stia al caldo.

Come si fa il bagnetto o la doccia a un neonato

Il bagnetto ricorda ai bambini la stessa sensazione di quando vivevano nel liquido amniotico. Per tale motivo, il bimbo deve essere immerso lentamente nell’acqua per riportarlo a quel ricordo.

Se scegli di fare il bagnetto nella vaschetta per neonati, assicurati di riempirla fino all’orlo. Immergi il tuo bambino gradualmente, comincia dai piedi e arriva gradualmente alle gambe, pancia fino alle spalle, per consentirgli di familiarizzare un passo alla volta con l’acqua.

Puoi utilizzare una spugna marina naturale, per lavare i capelli e la testa. In questa fase è molto utile la ciambella lavatesta per evitare che lo shampoo entri in contatto con gli occhi e il viso del tuo piccolo. Per sciacquare i capelli, usa un contenitore con beccuccio, in modo da poter controllare la fuoriuscita dell’acqua.

La durata del bagnetto deve essere breve, specie nelle prime settimane di vita.

Se preferisci fare la doccia al tuo bambino, utilizza il seggiolino o la sedia per doccia, esistono anche dei supporti appositi o le sdraiette. Anche in questo caso prepara tutto il necessario e assicurati che la temperatura dell’acqua sia di circa 37°.

Come si fa il bagnetto nella la doccia a un neonato?

  1. Prepara l’ambiente: assicurati di avere tutto il necessario per il bagnetto del neonato a portata di mano e prepara una superficie stabile e sicura dove posare il neonato durante il bagnetto.
  2. Regola la temperatura dell’acqua: assicurati che l’acqua sia a una temperatura confortevole, non troppo calda né troppo fredda. Per verificare la temperatura, puoi usare il termometro per il bagnetto o il gomito come indicatore.
  3. Posiziona il neonato: posiziona il neonato sulla superficie preparata in modo che sia a una distanza di sicurezza dal getto d’acqua. Assicurati di tenerlo sempre sotto il tuo controllo e di dargli il giusto supporto.
  4. Inizia il bagnetto nella doccia: Per fare la doccia al neonato passa lentamente il getto d’acqua sul suo corpo dai piedi fino al collo, lasciando la testa per ultima. Se il piccolo mostra segni evidenti di fastidio, puoi utilizzare delle brocche per controllare il getto di acqua facendo attenzione a lavare bene le pieghe della pelle e le parti intime. Utilizza prodotti per il bagnetto adatti ai neonati e assicurati di risciacquare accuratamente il neonato per rimuovere tutti i residui di prodotto.
  5. Asciuga il neonato: una volta che hai finito di lavare il neonato, asciugalo accuratamente con un asciugamano morbido e avvolgilo in un panno asciutto. Assicurati di asciugare bene le pieghe della pelle e le parti intime per evitare irritazioni.
  6. Vestite il neonato: una volta che il neonato è completamente asciutto, vestilo con indumenti puliti e adeguati alla temperatura ambiente.

Come asciugare il bambino

Dopo il bagnetto, avvolgi il tuo bambino con un asciugamano di lino o di cotone, tamponando senza strofinare, ponendo attenzione alle pieghe cutanee nella zona del mento, collo, ascelle e inguine. Per asciugare le orecchie, puoi utilizzare un fazzoletto, facendo attenzione a non entrare nel condotto auricolare.

Se la pelle del bambino è secca o irritata puoi applicare una crema o dell’olio naturale. Nel caso, presenta un eritema da pannolino puoi utilizzare la pasta di zinco sulla zona interessata, ma prima chiedi sempre consiglio al tuo pediatra.

Per effettuare un massaggio neonatale usa l’olio di mandorla o altri oli naturali. Evita l’utilizzo di talco, perché non idrata e può provocare irritazioni.

Bonus: ritagliati un momento per te e il tuo bambino

Il dopo bagnetto è un’occasione speciale per interagire con il tuo piccolo, parlagli, cerca il suo sguardo e coccolalo. Queste pratiche aiutano a migliorare lo sviluppo cognitivo, relazionale, fisico ed emotivo del bambino.

Per migliorare ancora di più questo momento, ritagliati del tempo per massaggiare il tuo neonato. Nei primi mesi, ti consigliamo di non seguire particolari tecniche, ma di alternare semplicemente il tocco leggero e circolare, utile a rilassare e creare armonia, a un tocco più intenso, utile a stimolare il bambino. Prestando attenzione alla reazione del piccolo, impara a conoscere cosa gli piace di più e rendi questo momento unico e di crescita.

Se il tuo bimbo ha sei mesi, o più, ti consigliamo il massaggio IAIM (International Association of Infant Massage), una disciplina che riconosce il massaggio come uno strumento di comunicazione e conoscenza tra mamma e bimbo, consiste in tecniche di rilassamento, esercizi di yoga e di riflessologia plantare. Ti consigliamo di cercare il corso nella tua città per goderne a pieno tutti i benefici.

Tu a cosa dedichi il dopo bagnetto con il tuo bambino?

Se a casa hai la doccia puoi seguire le nostre indicazioni per fare il bagnetto al tuo bambino, se desideri trasformare la tua vasca in doccia guarda il nostro sito.
Vuoi scoprire i vantaggi su Come trasformare la vasca in doccia? Contattaci per un preventivo gratuito cliccando qui.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Contattaci, la tua doccia rilassante ti apsetta

    Contattaci

    Ti potrebbe interessare anche:

    Chatta con noi
    Hai bisogno di aiuto?
    Doccia Time
    Ciao ! Come possiamo aiutarti?