Arredare il bagno: gli errori da evitare.

Stai progettando di arredare il bagno e non sai da dove partire? Ecco qualche suggerimento per evitare di compiere i soliti, comuni, errori.

1 | L’apertura della porta.

Non esiste una regola valida per tutti i casi, poiché molto dipende da cosa volete ottenere. Se preferite avere maggiore spazio e non vi importa di vedere i sanitari come prima cosa scegliete di aprire la porta contro la parete più vicina, così non starà a centro stanza quando aperta. Se, invece, volete nascondere qualcosa (la lavatrice, i sanitari, la nicchia doccia, una parte di vasca) fate in modo che apra in questa direzione. Evitate solo di farla aprire verso il centro del bagno se dietro non c’è nulla, poiché impedirà parecchi dei vostri movimenti e finirà col darvi solo fastidio.

2 | L’apertura della finestra.

In questo caso vale una dritta di massima: fate in modo che la finestra si apra verso la parete più vicina, prevedendo ante ad apertura di 180°, possibilmente con vasistas (ribaltabile con apertura per ventilazione, per capirsi) così potrete arieggiare anche senza creare ingombro. Se è molto larga pensate alla divisione in 2 ante magari.

3 | I sanitari sospesi troppo bassi.

La tendenza parla chiaro, i nuovi modelli di sanitari sospesi sono il nuovo Must Have. Tuttavia, non a tutti piacciono e soprattutto non tutti li trovano comodi. Quindi non disdegnate i modelli filo parete non sospesi. Sono esteticamente lineari, non necessitano di supporto, sono generalmente più economici dei sospesi ed evitano il problema dell’estrema bassezza. Se non volete rinunciare al sospeso per motivi di design o di pulizia, avvisate il progettista che non vi servono a terra e che non avete intenzione di fare ginnastica quando vi sedete.

4 | Il modello di box doccia.

Per scegliere il box doccia ideale occorrerebbero diversi fattori, ma per ora basti dire che è importante considerare principalmente l’ingombro delle ante in apertura, i sistemi di scorrimento (e lo spazio utile di ingresso) e la dimensione rispetto all’intero bagno.

5 | Il mobile da bagno è troppo profondo.

È difficile non pensare all’estetica e al design quando si sceglie il mobile. Tuttavia, c’è bisogno anche di confrontarsi con la praticità e la comodità del quotidiano utilizzo che si farà della composizione scelta.  Tenete presenti le vostre esigenze e scegliete di conseguenza. I cassetti sono comodissimi e danno libero accesso anche alle cose in fondo mentre l’anta permette di sfruttare tutto lo spazio utile della base del mobile. Compensate la mancata profondità con pensili a parete, anche su pareti inusuali . Scegliete basi fino a terra invece delle sospese se non avete alternative.

6 | L’illuminazione.

Prediligete un tipo di illuminazione da centro soffitto; deve essere pensata per illuminare bene l’ambiente, ma non essere fredda e asettica.
Scegliete poi la luce sullo specchio, che può provenire o da una lampada integrata o da luci sospese progettate dall’inizio.

7 | Rivestimenti incompatibili con lo stile di vita.

Riflettete un attimo in più e poi scegliete dei rivestimenti che riescano ad incontrare i vostri gusti,  ma anche le vostre effettive possibilità di manutenzione e pulizia.

 

Per i mobili consultare www.feridras.com

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>